Pomodori verdi fritti alla fermata del treno

I nostri “pomodori verdi fritti”: Caldo-freddo di Caprese con crema di basilico

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno

Pomodori verdi fritti alla fermata del treno, i più grandi lo ricorderanno, è il titolo di un vecchio e bellissimo film che nel suo cast contava ben due premi Oscar: la britannica Jessica Tandy (premiata per A spasso con Daisy), e la statunitense Kathy Bates (indimenticabile in Misery non deve morire).

Ma perché oggi parliamo di cinema e non (solo) di cibo? Beh, anzitutto perché tra le due materie le sovrapposiioni storiche e culturali sono tante, tantissime. E poi perché nella ricetta che presentiamo qui i pomodori verdi fritti rappresentano un ingrediente fondamentale.

Parliamo del nostro Caldo-freddo di Caprese con crema di basilico, reinteprettazione creativa della cara, vecchia, classica caprese, che il nostro chef propone a Il Giardino di Mia con notevole successo. Ma, direte voi, è veramente possibile aggiungere bontà a un piatto tradizionale che di per sé è una vera e propria istituzione? Con il dovuto rispetto noi diciamo di sì, a patto di usare una buona dose di inventiva.

In questo caso è il contrasto tra gli elementi la vera chiave, contrasto che si produce giocando con le temperature: non attraverso la cottura della mozzarella di bufala (che infatti viene adagiata fredda sul piatto), bensì tramite il calore rilasciato dai pomodori stessi, avvolti in una panure aromatica e affiancati da una irresistibile mousse di basilico, a dare ulteriore intensità.

L’estate romana sa essere caldissima, e allora cosa c’è di meglio che contrastarla con un piatto leggero e fresco che non costringe a rinunciare al sapore?